domenica 25 novembre 2012

RIFIUTI: NEL REFERENDUM IN VAL D'AOSTA IL 94% DEI CITTADINI BOCCIA L'INCENERITORE E PRETENDE SOLUZIONI PIU' SANE E INNOVATIVE. PERCHE' IN ABRUZZO NON SI POTREBBE FARE ALTRETTANTO?

Domenica scorsa la Val d'Aosta ha scritto una pagina memorabile nella storia italiana e probabilmente europea indicando a tutti la strada giusta per una soluzione sana e democratica al problema dei rifiuti.
Nel referendum propositivo (possibile in quella regione a statuto speciale e speriamo presto esteso a tutta l'Italia) il 94% dei cittadini votanti ha detto NO AL PIROGASSIFICATORE (una sorta di inceneritore di rifiuti) pretendendo scelte più sane e condivise.

Dice in proposito sul suo blog il Prof. Federico Valerio : 
"Alcuni mesi or sono ho partecipato ad una audizione con i rappresentanti del Consiglio Regionale della Val D'Aosta e ho cercato di convincerli che in una Regione che punta sul turismo, sulla qualità del suo territorio, non dovrebbero avere dubbi, dovendo scegliere tra una tecnologia (la pirogassificazione) che inquina molto di più di un Trattamento Meccanico Biologico che, con l'uso del biometano  prodotto dalla fermentazione anaerobica ed immesso nella rete di distribuzione del gas, sarà possibile produrre calore ed elettricità senza aumentare le attuali emissioni prodotte dal gas naturale già oggi utilizzato nella Val D'Aosta."

"Votare SI, significava risolvere i problemi degli scarti con trattamenti a freddo; votare NO significava il via libera alla scelta della Regione di puntare tutto su un pirogasifficatore, un impianto che ad alta temperatura, in assenza di ossigeno, avrebbe trasformato in gas (una miscela di ossido di carbonio, idrogeno e metano) tutti gli scarti combustibili e usato questo gas per produrre elettricità."
"Ed ecco il piano "rifiuti" che la maggioranza dei Valdostani ha deciso di appoggiare.
Il perno della nuova gestione è la raccolta differenziata Porta a Porta o di prossimità che punta alla alta qualità delle frazioni raccolte e alla loro commercializzazione. Con il Porta a Porta è introdotta anche la tariffazione puntuale, per ridurre la produzione alla fonte e premiare economicamente che produce meno rifiuti indifferenziati.
La frazione umida è destinata ad impianti di compostaggio e di digestione anaerobica; quest'ultima produce compost per uso agricolo dai digestati e biogas che, depurato a biometano, può essere immesso nella rete di distribuzione del gas per i consueti usi civili ed industriali.
La frazione non differenziata è inviata ad impianti di Trattamento Meccanico Biologico, finalizzati ad ulteriore recupero di materia. I residui di questo processo, esenti da materiali organici fermentabili possono essere messi in discarica, in attesa che diventino commerciabili tecniche che possono trasformare le plastiche miste e gli scarti cellulosici non riciclabili, rispettivamente in  olio diesel e bioetanolo per l'autotrazione."

E' la prima volta che passa un referendum propositivo, perdipiù avendo contro il partito storicamente al potere in regione, l'Union Valdotain, il che la dice lunga sullo scollamento sempre più evidente dei partiti e vertici politici con la base che dovrebbero rappresentare.
E' l'ennesima dimostrazione (dal referendum nazionale sull'acqua bene comune in poi) che le comunità locali vogliono prendere in mano il loro futuro soprattutto in settori quali i rifiuti e l'energia che, spesso intrecciati tra loro, incidono pesantemente sulla loro qualità della vita.

La Valle d'Aosta ha fatto la scelta giusta. Ci chiediamo: perchè l'Abruzzo non potrebbe fare altrettanto?
A quella splendida terra ci accomunano le bellezze naturali, paesaggistiche e storiche. In più abbiamo il mare, e non è poco.  Lì come qui ci sono tutte le condizioni per indirizzare l'economia ed il modello di benessere verso l'uso rispettoso e intelligente di queste risorse senza andare a stravolgere l'identità e le vocazioni regionali.

PER QUESTO SI DEVE RESPINGERE CON INDIGNAZIONE IL NUOVO SCELLERATO TENTATIVO GOVERNATIVO DI TRASFORMARE L'ABRUZZO IN DISTRETTO PETROLCHIMICO calpestando sfacciatamente la volontà popolare che si è espressa con le 50.150 firme raccolte da NSC ed altri movimenti alla petizione contraria a questa deriva.
PER QUESTO SI DEVE RESPINGERE CON FORZA LA "BIOTRUFFA" DELLE CENTRALI A BIOMASSE E BIOGAS che, come concepite nella schiacciante maggioranza dei casi, rappresentano un lauto affare solo per chi le realizza e gestisce mentre significano un evidente danno di salute, economico ed occupazionale per le comunità costrette ad ospitarle.
PER QUESTO SI DEVONO RESPINGERE I CONTINUI TENTATIVI DI RIFILARCI GLI INCENERITORI DI RIFIUTI (in forma palese o in forma iniziale camuffata da centrale a biomasse) E DI ALLARGARE LE DISCARICHE perchè è sempre più evidente a tutti che sono possibili soluzioni più sane ed economiche che possono fare a meno degli uni e delle altre.

Naturalmente non diciamo solo NO NO NO.
Diciamo anche SI SI SI e lo abbiamo dimostrato con le nostre risposte al questionario governativo sulla "Strategia Energetica Nazionale" (vedi precedente post).
In tutti questi settori ci sono alternative già attive altrove che rappresentano non solo una risposta tecnica innovativa, sostenibile e proficua per tutti ma anche una forma di gestione e controllo più diffuso, partecipato e democratico. Per intenderci una cosa è la mega centrale recintata come un bunker, un'altra i pannelli fotovoltaici sulle case di tutti.

In conclusione, la Val d'Aosta ha segnato la strada ma l'Abruzzo ha tutti i requisiti per poterla percorrere nel migliore dei modi tenendo la schiena dritta e soprattutto gli occhi sempre aperti se non vuole diventare definitivamente terra di conquista di affaristi, speculatori o, peggio, della criminalità organizzata.

Tutti i cittadini che hanno a cuore la nostra regione tra qualche mese avranno la possibilità di eleggere solo coloro che, senza trucchi o inganni, si impegneranno solennemente sugli argomenti appena trattati sottoscrivendo programmi precisi e dettagliati in difesa della qualità della vita di tutti i loro concittadini.

Altrimenti non ci sarà migliore energia pulita e a basso costo di un bel calcione nel fondoschiena. 
IL PROGETTO A FREDDO CHE HA VINTO IN VAL D'AOSTA

 





martedì 20 novembre 2012

LE RISPOSTE DI NUOVO SENSO CIVICO AL QUESTIONARIO GOVERNATIVO SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE: PROPOSTE, NON SOLO PROTESTE. PER VINCERE BISOGNA PARTECIPARE!



ENTRO IL 30 NOVEMBRE SI PUO' (E NOI DICIAMO SI DEVE) PARTECIPARE ALLA CONSULTAZIONE ON-LINE PROMOSSA DAL MINISTERO PER LO SVILUPPO ECONOMICO SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE PER I PROSSIMI ANNI.
Ci si può collegare al sito cliccando QUI e poi sulla pagina raggiunta cliccando su "partecipa alla consultazione" in basso a destra.
Riteniamo che sia molto importante far sentire la nostra voce su un argomento decisivo per il futuro delle persone, delle economie e dei nostri paesaggi di terra e di mare.
Il questionario ed i documenti che illustrano le intenzioni strategiche governative non sono il massimo della chiarezza ed anzi ci sono sembrati quasi un modo per scoraggiare la partecipazione.
Ma sapete bene che non ci lasciamo demotivare tanto facilmente specie se si sostiene di voler "incrementare e sviluppare la produzione nazionale di idrocarburi, sia gas che petrolio" e di "semplificare gli iter autorizzativi" perchè gli investimenti sono stati "limitati in questi anni da un contesto normativo e da un processo decisionale che hanno rallentato o fermato molte iniziative."
Se poi aggiungiamo il ruolo destinato all'Abruzzo l'orizzonte si fa maledettamente scuro: "In Abruzzo, dove hanno sede alcune delle principali società di servizio in ambito petrolifero, le attuali sedi potrebbero essere utilizzate come basi logistiche per lo sviluppo di nuove attività estrattive nel Sud Italia."
Da brivido.
Ma naturalmente non c'è solo il petrolio ed il discorso abbraccia tutto il campo energetico (finte rinnovabili come biomasse e biogas e poi quelle vere, mobilità e trasporti, ecc.).
Pertanto qui di seguito vi sottoponiamo le articolate risposte di NSC ad alcuni dei quesiti fornendo una panoramica  sulle nostre posizioni e proposte in argomento.
Se volete potete trarne qualche spunto, ma l'importante è che si faccia sentire la nostra voce per non ritrovarci tra qualche anno, a nostra insaputa, massacrati per conto terzi.
Forza e avanti tutta!   

QUESTIONARIO GOVERNATIVO SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE: LE RISPOSTE DI NUOVO SENSO CIVICO

Gli obiettivi
C1. La definizione degli obiettivi principali implica delle scelte di trade-off con altri obiettivi di politica energetica perseguibili. Quali eventuali obiettivi diversi dovrebbe indirizzare la SEN, tenendo conto del contesto internazionale e del punto di partenza del Paese?
Le priorità
C2. Le priorità di azione proposte rappresenteranno le aree di maggior attenzione di politica energetica nel medio periodo. Di quali eventuali diverse priorità dovrebbe tenere conto la SEN per garantire il raggiungimento degli obiettivi definiti per il settore?
GLI OBIETTIVI DIVERSI PERSEGUIBILI E LE NOSTRE PRIORITA’
-Premessa
Il primo dato da cui partire è che l’Italia ha una sovra-offerta di energia elettrica, dato ulteriormente accentuato dall’attuale gravissima crisi economica di sistema.
Basta collegarsi sul sito dell’operatore Terna per averne la conferma in tempo reale seguendo i grafici aggiornati ogni quindici minuti: in Italia la potenza elettrica installata (ovvero la potenza massima erogabile dalle centrali) è pressocchè doppia rispetto alla richiesta.
Le autorevoli conferme a questo dato sono molteplici e certamente non solo di parte.
E’ la stessa Confindustria ad affermare che l’Italia “è un Paese che ha una sovracapacità ormai strutturale di produzione elettrica di oltre il 30%” (fonte: QualEnergia.it - 20 luglio 2012).
Agostino Re Rebaudengo, Presidente dell’APER (Associazione Produttori Energie Rinnovabili) dichiara: “L’Italia negli ultimi 10-15 anni ha registrato ancora grandi investimenti in impianti tradizionali per la produzione di energia. Il risultato, un po’ assurdo è che noi attualmente abbiamo una capacità produttiva in grado di fornire il doppio dell’energia elettrica che consumiamo. Gli impianti a gas e petrolio funzionano spesso al 40% delle loro capacità. Devo dire che tuttora cerco di comprendere, e non ci riesco, con quali criteri gli operatori continuano a investire in centrali alimentate a metano.” (fonte: Sette Green/Corriere della Sera – 22 marzo 2012).
Chiunque di noi, girando per l’Italia, può osservare decine e decine di pale eoliche ferme perché non c’è adeguata richiesta di energia (secondo alcune stime è attualmente inattiva una pala eolica su quattro).
La prima conclusione è quindi che, per quanto riguarda l’energia elettrica, l’Italia non ha bisogno di ulteriori fonti di approvvigionamento per il suo fabbisogno.
Naturalmente c’è poi il discorso di capire, all’interno di questo fabbisogno, come rimodulare il peso delle varie fonti e questo lo affronteremo più avanti.


-Primo obiettivo: il risparmio energetico, la riduzione degli sprechi e la modifica degli stili di vita e di consumo.

Il mezzo più importante per ridurre la nostra dipendenza energetica soprattutto dalle fonti più inquinanti e nocive per l’ambiente e la salute umana quali quelle fossili (petrolio, carbone, gas naturale) è sicuramente il risparmio energetico: nelle attuali condizioni critiche sia ambientali che economiche l’uso dell’energia deve essere ridotto piuttosto che aumentato. Programmi di risparmio energetico e riduzione progressiva dei consumi inutili ed eccedenti sono quasi sempre di facile e immediata attuazione se vi è la volontà politica a monte e la capacità di rendere consapevoli e partecipi le comunità sui benefici collettivi che ne conseguono. Va altresì sottolineato che molte opere e infrastruttture nel campo energetico hanno risvolti occupazionali minimi (l’ENI qualche anno fa dichiarò 27 nuovi addetti a pieno regime per una nuova raffineria in cantiere) e spesso la loro realizzazione determina risvolti molto negativi per le altre attività economiche tradizionali di zona che vengono danneggiate da questi interventi. La petrolizzazione della Lucania ne è un esempio lampante con il soffocamento dei comparti economici tradizionali quali quello agricolo, vitivinicolo o del turismo, oltre ai forti impatti in termini di salute. Questa sfortunata regione, che ospita due tra le raffinerie più grandi d’Europa, resta sempre tra le zone più depresse nelle classifiche economiche continentali.
Il discorso del risparmio energetico va affrontato in parallelo con quello della modifica degli stili di vita e di consumo che significa in questo caso riduzione dei rifiuti e delle conseguenze negative derivanti dalla loro sovrabbondanza. Anche in questo versante il governo centrale dovrebbe intervenire con leggi severe che riguardino la riduzione degli imballaggi, gli obblighi di raccolta differenziata spinta porta a porta, l’incentivazione di impianti e strutture quali quella attiva a Vedelago in Trentino (che dà complessivamente lavoro a diecimila persone) di recupero, riciclo e riuso dei rifiuti in modo da evitare la strada deleteria delle discariche e degli inceneritori con tutte le conseguenze negative in termini di salute, economia e conflittualità con le comunità locali.
Come si può evincere il discorso dei rifiuti si intreccia strettamente con quello dell’energia e pertanto vanno affrontati insieme in un’ottica complessiva che per entrambi abbia come premessa la riduzione a monte.

-Secondo obiettivo: rimodulare il peso delle varie componenti energetiche favorendo le fonti davvero pulite e rinnovabili (fotovoltaico, solare, eolico, trattamento meccanico biologico a freddo delle biomasse, idroelettrico, ecc.) che vanno valutate nelle forme di installazione privilegiando quelle piccole e diffuse, realizzate alle migliori condizioni tecnologiche e di sostenibilità sostituendole gradualmente a quelle fossili tradizionali.

Le fonti fossili inquinanti, destinate all’esaurimento ed ecomicamente sempre più insostenibili, di certo non vanno rilanciate in ambito nazionale ma progressivamente abbandonate in favore di quelle davvero rinnovabili e più pulite facendo però molta attenzione a come queste ultime vengono pensate e realizzate, in quali condizioni e soprattutto se rientrano davvero in questa categoria (come il caso scottante delle centrali a biomasse e biogas che approfondiremo in seguito).
Riteniamo che in ordine di importanza vadano sostenute le fonti da fotovoltaico e solare termico (molto adatte alle condizioni climatiche italiane), l’energia eolica, l’energia idroelettrica, la produzione di biometano attraverso il trattamento meccanico biologico a freddo delle biomasse.
Naturalmente anche in questo campo bisogna sempre seguire con attenzione gli aggiornamenti della comunità scientifica internazionale che possono dare utili indicazioni favorevoli o meno rispetto alle scelte perseguite. Un caso clamoroso al riguardo è quello della combustione delle biomasse che rientra tuttora tra le fonti rinnovabili ma che viene seriamente messa in discussione oltre che nel versante scientifico anche a livello politico europeo per le recenti acquisizioni che ne stanno dimostrando tutti gli effetti negativi in termini di salute, di inquinamento e di impatto sul bilancio dei gas-serra immessi in atmosfera (vedi bibliografia allegata).
Bisogna quindi sempre fare attenzione ai metodi di progettazione e installazione anche per quelle fonti che attualmente riteniamo le più auspicabili.
Ad esempio per i pannelli fotovoltaici scegliamo sempre l’installazione sui tetti delle abitazioni, degli edifici pubblici o dei capannoni industriali meglio ancora se contemporaneamente andiamo a bonificare con la sostituzione delle coperture in amianto. Evitiamo il più possibile di metterli a terra, soprattutto nelle campagne dove vanno a sfrattare vigneti e uliveti procurando così un inutile inaridimento dei terreni.
Scegliamo per tutte le fonti le soluzioni più piccole, diffuse e meno impattanti che esistono. Documentandosi adeguatamente ce ne sono anche per l’energia eolica o idroelettrica.
Capitolo a parte quello scottante delle biomasse e del biogas che ha rivelato parecchi retroscena molto negativi alcuni dei quali legati all’incentivazione distorsiva dei certificati verdi (finanziati da tutti gli utenti attraverso le bollette elettriche) indirizzata esclusivamente alla produzione di energia elettrica, ignorando completamente l’energia termica.
Negli ultimi anni moltissimi studi scientifici di alto livello (vedi bibliografia allegata) sia internazionali che nazionali, tra i quali quelli sviluppati dal prof. Federico Valerio, direttore del dipartimento di chimica ambientale dell’Istituto di Ricerca sul cancro di Genova, hanno messo pesantemente in discussione la qualifica di fonte rinnovabile pulita attribuita alla produzione di energia in queste centrali.  E’ stato dimostrato che, nel loro ciclo di vita completo e a causa delle modalità con le quali vengono realizzate, nella stragrande maggioranza dei casi costituiscono una fonte altamente inquinante che peggiora il bilancio di gas serra emessi in atmosfera ed il cui rendimento è molto scarso (se non ci fossero gli incentivi statali nessun imprenditore si butterebbe in un’impresa del genere) perché, specie nelle varianti  a combustione diretta, viene bruciato e disperso in atmosfera attraverso i fumi il 60%-65% di energia prodotta non contemplando accorgimenti per il suo recupero attraverso reti di teleriscaldamento e teleraffreddamento, oppure, nel caso delle centrali a biogas, la depurazione dello stesso per ricavarne biometano da immettere direttamente nella rete metanifera nazionale o la trasformazione in combustibili liquidi da utilizzare per la trazione veicolare.
Nel caso delle biomasse, soprattutto lignee-cellulosiche, stanno vacillando perfino le certezze della Comunità Europea: lo scorso 20 marzo il Parlamento Europeo ha chiesto che le regole di calcolo delle emissioni di carbonio siano revisionate per quanto concerne le biomasse perché ci si è resi conto che esiste uno sfasamento tra il debito di carbonio causato dal taglio di un albero che viene poi trasportato e bruciato e il tempo necessario per la crescita di un nuovo albero in grado di assorbire tanto carbonio quanto il precedente il che porta a concludere che la combustione delle biomasse non fa altro che aumentare le concentrazioni di Co2 in atmosfera peggiorando così l’effetto serra e contribuendo all’alterazione del clima globale e andando in definitiva a minacciare gli obiettivi europei di riduzione di Co2. Viene messa in discussione anche la biomassa da residui di rifiuti compostati e agricoli che può alterare la fertilità dei suoli, causare un maggior uso di fertilizzanti, lo sperpero di grandi quantità d’acqua e in definitiva rese più basse.
Recentemente (agosto 2012) un rapporto pubblicato dall’”Accademia Nazionale delle Scienze tedesche Leopoldina”, molto critico sull’uso delle biomasse a fini energetici, ha concluso che la loro combustione, oltre ad altri effetti collaterali negativi, è molto poco ecologica e non contribuisce alla riduzione delle emissioni di Co2 in atmosfera come possono fare i più utili sistemi eolici e fotovoltaici oppure l’efficienza energetica.
Se non vengono rispettate una serie di specifiche condizioni che quasi mai si realizzano proprio a causa della redditività legata agli incentivi statali (condizioni che elencheremo in seguito) queste sono le principali cause che sconsigliano l’installazione di centrali a biomasse o biogas:
  • Tali centrali, in misura variabile in base alle tecnologie e soluzioni adottate, sviluppano sostanze altamente inquinanti tra le quali le polveri sottili e ultrasottili, gli ossidi di azoto e di carbonio, i furani, i metalli pesanti, l’ozono e in particolare 4 sostanze ufficialmente classificate “cancerogene” dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) quali il benzene, la formaldeide, le diossine e gli idrocarburi policiclici aromatici. La pericolosità di questi composti non è dovuta solo alla loro concentrazione nell’aria inalata ma anche alla loro deposizione sul suolo ed all’accumulo crescente nella catena alimentare. L’inquinamento deriva anche dal trasporto su camion di queste biomasse che nella maggioranza dei casi provengono da centinaia se non migliaia di km. di distanza (come il caso dell’olio di palma dall’Indonesia responsabile della deforestazione in quelle zone proprio per fare posto alle coltivazioni dedicate a questo commercio) in barba all’auspicabile “filiera corta” ed alla presunta risoluzione di problemi locali di smaltimento di scarti alimentari o liquami zootecnici.
  • Per quanto riguarda le centrali a biogas alimentate a mais, oltre all’aspetto etico di coltivare un alimento da destinare alla combustione, c’è da rilevare come occorrano enormi quantità di terreni dedicati allo scopo, che andranno seminati e trattati chimicamente con un uso dissennato di d fertilizzanti e antiparassitari che inquinano essi stessi, minano la fertilità dei terreni e consumo enormi quantità d’acqua ottenendo come corollario quello di stravolgere e compromettere l’intera agricoltura tradizionale che vedrà ridotti i suoi spazi e la sua qualità dalla prepotenza di questa concorrenza insostenibile. Contro questo tipo di deriva si è pronunciato ultimamente, in un’intervista a “La Repubblica” del 9 maggio 2012, il fondatore di “Slow Food” Carlo Petrini, una delle personalità italiane più ascoltate e apprezzate nel mondo, il quale ha tra l’altro segnalato che “forse non è un caso che la Regione Emilia Romagna nelle sue linee guida abbia vietato gli impianti a biogas nei territori dove si produce il Parmigiano Reggiano”.  Qui entra pesantemente in gioco il fattore economico che impone scelte molto nette e una ferrea scala di priorità;
  • Infatti le centrali a biomasse e biogas provocano un danno economico alle comunità ospitanti per i risvolti inquinanti che possono danneggiare le attività circostanti non solo agricole ma anche di trasformazione alimentare o della ricettività turistica (agriturismi, alberghi ecc.), per l’invasività e concorrenza nelle coltivazioni, per un svalorizzazione dei patrimoni immobiliari circostanti quali case, terreni e proprietà varie;
  • I rischi di incidenti sono molto elevati come dimostrano alcuni recenti “report” sulle centrali a biogas in Germania dove nonostante i controlli dal 2010 sono stati registrati quasi 100 incidenti con gravi episodi di inquinamento, sversamenti, esplosioni e incendi che hanno causato diversi feriti oltre ai danni ambientali (vedi elenco in allegato). I tedeschi stanno dimostrando di voler abbandonare progressivamente il biogas e non vorremmo che quelle tecnologie, diventate ormai obsolete, venissero dirottate in Italia con tutte le conseguenze del caso;
  • I risvolti occupazionali diretti sono minimi e sicuramente non riescono a compensare la perdita di posti di lavoro indotta da queste installazioni sulle attività di zona incompatibili.
Per qualificare correttamente questi tipi di impianti come fonti davvero rinnovabili e sostenibili e proporle in alcuni casi come soluzioni alternative andrebbero rispettate alla lettera una serie di condizioni che andiamo ad elencare:
  • Che la filiera sia davvero corta nel senso che con queste installazioni si vada a risolvere un problema locale effettivo e preesistente di smaltimento di scarti alimentari, vegetali o di bestiame di tale quantità da rappresentare un serio problema in zona;
  • Che le centrali non siano realizzate a combustione diretta altamente inquinante ma vengano previsti i cosiddetti impianti TMB (Trattamenti Meccanici Biologici) a fermentazione anaerobica a freddo, ossia senza combustione, con la depurazione e trasformazione del biogas in biometano che può essere sia immesso direttamente nella rete metanifera nazionale (migliorandone la bolletta complessiva con la riduzione delle importazioni) che utilizzato con un’apposita rete per il teleriscaldamento e il teleraffreddamento per gli edifici pubblici e privati circostanti permettendo così lo spegnimento e l’eliminazione di tante singole caldaie ed il raggiungimento di un miglioramento nel bilancio totale delle emissioni (e dell’inquinamento) e di benefici anche di natura economica per gli utenti.
  • Che l’installazione di questo tipo di impianti vada a migliorare le condizioni complessive della qualità dell’aria mediante la sostituzione e lo spegnimento di fonti maggiormente inquinanti. Qui interviene la Comunità Europea con la direttiva 96/62/CE, recepita dall’Italia con D.L. n°351 del 4/8/99, che all’articolo 1 individua tra i suoi obiettivi quello di “mantenere la qualità dell’aria ambiente, laddove è buona, e migliorarla negli altri casi”.
  • Occorre infine un ripensamento sugli incentivi in modo che essi vadano a premiare solo le tecnologie più avanzate e rispettose dell’ambiente, allarghino il loro campo d’azione dalla produzione di energia elettrica a quella termica in modo da favorire forme di recupero del calore che altrimenti andrebbe in grandissima parte disperso in atmosfera attraverso i fumi con conseguenze negative in termini di inquinamento e danni alla salute degli esseri viventi. Gli incentivi andrebbero anche destinati alla ricerca ed all’industria per la realizzazione di tecnologie all’avanguardia che potrebbero essere esportate con risvolti positivi sulla bilancia commerciale e l’economia nazionale in genere.


Il percorso di decarbonizzazione al 2030-2050
C3. La strategia non si propone una definizione di dettaglio del sistema energetico al 2030 o 2050, proponendosi di mantenere un approccio flessibile alla decarbonizzazione: quali diversi punti di vista e relative implicazioni in termini di politica energetica?
C4. Se la scelta di fondo europea è quella di un’economia decarbonizzata, gli obiettivi post-2020 potrebbero essere orientati unicamente alla riduzione di emissioni, lasciando libero ogni Paese di scegliere il proprio approccio nel modo più flessibile senza obiettivi specifici su rinnovabili e efficienza energetica. Quale prospettiva più opportuna per il nostro Paese?
C5. Come osservato, diverse tecnologie non ancora mature potrebbero avere un impatto rilevante sul nostro sistema nel lunghissimo termine. Quali diverse prospettive o approccio da adottare su questi o altri fattori di discontinuità?

L’efficienza energetica
C6. Quali ulteriori barriere hanno impedito finora una più ampia diffusione di soluzioni di efficienza energetica e quali possibili azioni e strumenti (esistenti o nuovi) possono essere lanciati? Come rendere più efficace il sistema dei controlli sugli standard e sulla qualità dei servizi (i.e. le certificazioni degli immobili) senza generare costi e nuovi forme di burocratizzazione?
Il punto di partenza irrinunciabile da cui trarre ogni tipo di conclusione è che l’intero paesaggio italiano, da nord a sud, è in condizioni di grave dissesto idro-geologico che lo rendono estremamente vulnerabile, come dimostrano i ricorrenti drammatici eventi alluvionali.
Questa condizione è l’esito prevedibilissimo di decenni di cementificazioni selvagge, condoni edilizi a grappolo, erosione selvaggia dei suoli e mancate politiche di prevenzione e manutenzione. Lo stesso governo Monti sembra adesso rendersene conto vista la proposta di legge del ministro Catania detta appunto “salva suoli”.
Si pensi che nel solo Abruzzo negli ultimi 10 anni c’è stato un tasso di crescita della cementificazione del 9%, superiore a quelli della Lombardia (8%) e del Veneto (7,3%).
La mancata prevenzione rappresenta non solo un danno ambientale e umano evidente ma incide pesantemente sulle casse dello Stato e sul bilancio della Sanità nazionale perché gli interventi emergenziali posteriori sono molto più onerosi ed assai meno efficaci rispetto ad una oculata e previdente programmazione.
E’ proprio da questa che si deve ripartire per una grande campagna di riassestamento paesaggistico e di ristrutturazione edilizia che limiti il più possibile nuove inutili costruzioni ma vada ad intervenire sul risanamento e l’efficientamento sotto ogni punto di vista (strutturale, energetico, di compatibilità ambientale) degli immobili già esistenti, pubblici e privati.
Per quanto riguarda gli strumenti tecnici o le modalità per simili interventi non crediamo sia difficile attingere alle innumerevoli esperienze già in atto in altri paesi europei o extra-europei. Possiamo soltanto suggerire uno degli interventi che vanno senz’altro effettuati per primi, ossia la bonifica delle coperture e delle strutture in amianto attraverso forme intelligenti di incentivo che propongano lo scambio tra l’amianto ed i pannelli fotovoltaici in modo che l’eliminazione di questo materiale altamente cancerogeno non rappresenti un’impresa dai costi insostenibili per le famiglie e continui a restare un incubo nel paesaggio italiano (vedi deterioramento o smaltimenti abusivi e incontrollati).
Per quanto riguarda i rischi di burocratizzazione è vero che le procedure devono essere sicuramente snellite ma senza perdere di vista un adeguato esame e controllo degli interventi per impedire tutti gli abusi che si sono verificati negli anni per verifiche frettolose o incompetenti.

C7. In particolare per quanto riguarda i Certificati Bianchi, l’estensione dei soggetti obbligati anche a società di vendita (come in Francia o in Inghilterra) e/o ad altri operatori potrebbe aumentare il numero di soggetti direttamente coinvolti, risultare più “vicino” ai clienti finali e alle loro esigenze e quindi facilitare il raggiungimento degli obiettivi? Quali opportunità di revisione del meccanismo in questo ambito?

C8. La mancanza di competenza e attenzione nei settori industriali, soprattutto nelle aziende medio-piccole, è stata segnalata da più parti come una criticità per il raggiungimento degli obiettivi in questo settore. L’introduzione di obblighi di audit energetici potrebbe contribuire a risolvere questa criticità? Quali altre iniziative si potrebbero prevedere in questo ambito?

Lo sviluppo dell’Hub del gas
C9. Si concorda con l’esigenza di aumentare la capacità di importazione attraverso lo strumento delle “Infrastrutture Strategiche”? Quanta nuova capacità sarebbe necessaria e con quale tempistica? Quali i criteri di selezione?
C10. Aumento della liquidità sulla borsa gas: quali strumenti più idonei per favorire lo sviluppo di una borsa gas liquida e competitiva e incentivare lo spostamento di volumi significativi di gas verso di essa?
C11. Opportunità e rischi di una progressiva migrazione nell’approvvigionamento da un mercato legato a contratti di lungo periodo a un mercato spot. Quale è il migliore mix tra i due nella situazione italiana?
La risposta all’argomento dello sviluppo dell’Italia come Hub del gas per l’Europa dev’essere allargata ad una prospettiva molto più ampia che riguarda le peculiarità nazionali e le forme migliori e più proficue per esaltarle e valorizzarle.
Non crediamo che il percorso preferibile sia quello di trasformare l’Italia in una “autostrada del gas” per l’esportazione attraverso la realizzazione di grandi opere di stoccaggio e metanodotti in zone pericolose e sismiche (come quella di Sulmona in Abruzzo) a tutto beneficio di altre nazioni o degli speculatori del momento.
Queste opere oltretutto (alla pari di quelle petrolifere) vanno a danneggiare proprio le maggiori ricchezze nazionali che si chiamano bellezza del paesaggio, storia, cultura, tradizioni, eccellenze vitivinicole e gastronomiche che dovrebbero essere il perno fondamentale per l’esportazione dell’immagine dell’Italia nel mondo e l’irresistibile forza di attrazione che comporta anche un arricchimento nazionale senza controindicazioni.
L’Abruzzo, definito “regione verde d’Europa”, ha scelto da anni una strada legata alla valorizzazione delle sue bellezze naturalistiche e storiche e delle sue eccellenze ad esempio nel campo vitivinicolo e gastronomico e su questo ha orientato i suoi investimenti e la sua legislazione regionale: stravolgere tutto questo trasformandolo in distretto petrolchimico e delle energie rappresenta una scelta insensata che porterebbe molti più danni che vantaggi.


Le rinnovabili elettriche
C12. La Strategia prevede un continuo supporto agli investimenti in rinnovabili, seppure con livelli di incentivo ridotto rispetto al passato (e con un governo più attento dei volumi). Sono auspicabili scelte diverse? In quale direzione?
Sulla ridefinizione degli incentivi vedere parte della risposta ai quesiti 1 e 2.

Le rinnovabili termiche
C13. In aggiunta agli incentivi economici, quali ulteriori strumenti a supporto da valutare per accelerare lo sviluppo delle rinnovabili termiche?
Vedere la parte della risposta ai quesiti 1 e 2 relativa a teleriscaldamento e teleraffreddamento.

Le rinnovabili nei trasporti
C14. Quali possibili misure per favorire lo sviluppo della seconda e terza generazione di biocarburanti? Quali interventi per far sviluppare una filiera europea?
Analogamente al discorso sull’energia e sui rifiuti anche in questo settore bisogna fare una doverosa premessa da cui discende tutto il resto: non è più sostenibile un modello di sviluppo fondato sulla corsa al consumo esasperato e su attività e comportamenti inutilmente energivori.
Anche per quanto riguarda i trasporti e la mobilità bisogna privilegiare politiche di riduzione degli sprechi e di rimodulazione dei modelli di mobilità che vadano a scoraggiare un uso eccessivo e inutile del mezzo motorizzato privato a vantaggio di soluzioni meno nocive sulla salute delle persone e dell’ambiente dal trasporto pubblico a tutte quelle soluzioni già adottate o in via di adozione in tanti paesi europei ma anche nelle città italiane più virtuose quali ad esempio l’estensione delle zone pedonalizzate e delle piste ciclabili  con le soluzioni ad esse collegate (bike-sharing ossia scambio di bici pubbliche, trasporto combinato treno-bicicletta, ecc), car-pooling (condivisione di auto) e car-sharing (scambio di auto), parcheggi di scambio ed intermodalità, progressiva elettrificazione dei mezzi di trasporto, progressiva sostituzione del parco mezzi pubblico in direzione di veicoli meno inquinanti, incentivazione di scelte orientate all’”impatto zero”, ecc., in modo da rendere più sani, vivibili e attraenti i luoghi della nostra vita sociale.
L’Italia è, dopo gli Stati Uniti, la nazione con il più alto rapporto di auto per abitante con la differenza che in America dispongono di territori sconfinati mentre il nostro è piccolo, accidentato e con le più alte densità di popolazione al mondo.
Vogliamo ricordare che recentemente il Centro Internazionale di Ricerca sul cancro dell’OMS (Organizzazione Mondiale della sanità) ha stabilito ufficialmente che i gas di scarico dei motori diesel sono causa certa dello sviluppo del cancro del polmone e con ogni probabilità di quello alla vescica attraverso l’emissione soprattutto delle polveri sottili e del monossido di azoto. Analogo discorso si può fare per i mezzi a benzina con studi scientifici altrettanto documentati e di alto livello. Sempre l’OMS ha stabilito scientificamente la correlazione tra abbassamento dei livelli di polveri sottili nel’aria e l’aumento della speranza di vita delle persone.
Se poi diamo uno sguardo all’ultimo “Report 2012” dell’Agenzia Europea per l’Ambiente sulla qualità dell’aria nei paesi dell’Unione nel quale l’Italia risulta maglia nera per sforamento delle emissioni di polveri fini ed ultrafini, allora vediamo come sia obbligata la scelta di una graduale ma decisa riduzione dell’uso spesso eccessivo ed inutile dell’uso del mezzo privato a vantaggio di altre scelte di mobilità meno nocive.
In quest’ottica è valutabile l’uso per autotrazione del biometano generato dagli impianti TMB di Trattamento Meccanico Biologico a freddo dei quali abbiamo parlato nella risposta ai quesito n°1 e n°2.

Sviluppo delle infrastrutture e del mercato elettrico
C15. Si condividono le principali sfide delineate per il settore? Quali ulteriori iniziative si suggeriscono di adottare per affrontare tali sfide?

C16. Il documento considera strategico un  riequilibrio delle prospettive di valorizzazione dei cicli combinati a gas, attraverso azioni per rendere competitivo sui mercati esteri l’attuale surplus di potenza (riduzione del costo per la termoelettrica, integrazione dei mercati dell’energia e dei servizi). Quali altre azioni si ritengono necessarie? Le prospettive di policy sul contenimento della CO2 possono costituire un elemento significativo o un’area di azione su cui puntare?
Rispetto all’esportazione di energia altre dovrebbero essere le strade italiane legate alle sue peculiarità: non siamo e non vogliamo essere l’Arabia Saudita, il Texas o la Norvegia, ma abbiamo la fortuna e dovremmo avere il rispettoso orgoglio di essere l’Italia con le sue uniche, straordinarie e spesso maltrattate bellezze.
Per quanto riguarda le politiche di contenimento delle emissioni di Co2 fare riferimento alla risposta ai quesiti n°1 e 2.

C17. Tra le principali sfide, non sono state comprese azioni che riguardano il mercato retail e gli strumenti di tutela per singole categorie di clientela (domestico, PMI). L’attuale sistema italiano ha attuato un elevato grado di tutela dei consumatori finali, in forme ritenute dalla Commissione Europea compatibili con la liberalizzazione del settore. Si ritiene invece rilevante definire obiettivi di cambiamento anche in questo segmento e, se sì, in quale direzione?



La ristrutturazione della raffinazione e della rete di distribuzione carburanti
C18. Quali interventi privilegiare per la ristrutturazione e lo sviluppo del settore della raffinazione?
C19. Quale è il modello di ristrutturazione della distribuzione carburanti migliore per la realtà italiana?
Non vogliamo nessuna ristrutturazione in direzione di uno sviluppo del settore della raffinazione, ma al contrario un suo progressivo abbandono attraverso politiche di riconversione che privilegino altri campi di intervento meno deleteri e più compatibili con le nostre vocazioni nazionali.
Va evidenziato che la Norvegia, colosso mondiale nel settore petrolifero, ospita sul suo territorio molto meno popoloso e più esteso del nostro solo 2 raffinerie, mentre l’Italia ne ha 18!

Il rilancio della produzione nazionale di idrocarburi
C20. Quali sono le azioni/iniziative, a livello nazionale, regionale e locale da adottare per favorire un maggiore coinvolgimento delle collettività e sviluppare un processo condiviso di accettazione pubblica dei progetti minerari?

C21. Quali ulteriori azioni sono auspicabili per favorire lo sviluppo di realtà industriali locali, attraverso la costituzione di distretti tecnologici, aumentando quindi le ricadute dello sviluppo dei programmi di investimento nel settore minerario?

In continuità con la risposta ai quesiti 18 e 19 diciamo che l’Italia non solo non deve rilanciare la produzione nazionale di idrocarburi ma deve adoperarsi al più presto per abbandonare questo settore in favore dei moltri altri più puliti, maggiormente redditizi in termini economici ed occupazionali e più all’avanguardia sui quali si stanno concentrando le nazioni più evolute e lungimiranti.
Le esperienze petrolifere in Italia soprattutto nelle zone di maggior impatto (Basilicata, Sicilia, Lombardia, E.Romagna, Venezia/Porto Marghera) presentano un bilancio disastroso: diffusione di malattie e danni ambientali, incidenti, scarsi risvolti occupazionali e contrasto deleterio con altre attività produttive tradizionali di zona, ritorni economici risibili a causa delle condizioni favorevolissime tutte a vantaggio delle società proprietarie degli impianti.
Basti citare il caso delle “royalties”, ossia le percentuali sulle estrazioni che devono pagare a Stato ed enti locali le società che ottengono i permessi di ricerca e perforazione: in Italia con gli ultimi provvedimenti arrivano ad un massimo del 7% o 10% mentre in altre nazioni raggiungono il 90% del valore degli idrocarburi estratti.
Il petrolio italiano è quantitativamente scarso e di infima qualità ma rappresenta un ottimo investimento per le piccole compagnie straniere che vi investono grazie alle enormi agevolazioni fiscali ed ai meccanismi che riducono al minimo il rischio di impresa, mantendo al contrario alto quello per l’ambiente e la salute delle persone.
Le perforazioni in mare possono essere attualmente eseguite a 12 miglia dalla costa (con il dubbio ancora non risolto sulle concessioni date precedentemente quando in pratica non esistevano limiti) mentre ad esempio negli Stati Uniti il limite è di 160 km da riva.
E perché mai le collettività dovrebbero accettare progetti minerari che storicamente le hanno pesantemente penalizzate in termini di salute, di danni alle economie locali, alle colture e produzioni tradizionali, di svalorizzazione dei patrimoni immobiliari?
E’ ora di imboccare una strada radicalmente diversa.
Ecco cosa afferma il prof. Umberto Veronesi: “Per cancellare il cancro dobbiamo ridurne al minimo l’incidenza eliminando le cause. Oggi ne conosciamo molte, per esempio il fumo di sigaretta, l’essere sovrappeso, l’obesità, alcuni virus, sostanze cancerogene note come l’amianto e i combustibili fossili”. (fonte: Grazia – 8 novembre 2012)
Lo ribadisce autorevolmente anche la Chiesa cattolica attraverso un documento ufficiale del 19 ottobre 2012 della CEAM (Conferenza Episcopale Abruzzese e Molisana): “Noi, Vescovi delle Chiese che sono in Abruzzo e Molise, ancora una volta leviamo alta la voce per denunciare le ‘ferite’ delle nostre terre, minacciate da progetti di ‘sviluppo’ che sono invero segnati da gravi rischi ambientali, socio-economici e umani […]. Ci riferiamo, in particolar modo, ai progetti di sfruttamento energetico, in particolar modo petrolifero, su cui ci siamo già pronunciati come Conferenza episcopale regionale nel 2008[…]. Con l’eventuale realizzazione dei progetti di sfruttamento energetico non si sanerebbe la ferita della disoccupazione e della recessione, si accrescerebbe il senso di abbandono e di sopraffazione che le nostre genti percepiscono di fronte a chi esercita poteri decisionali, si avanzerebbe nella spoliazione del nostro ambiente naturale e della nostra economia agricola e turistica, in maniera irrevrsibile e irresponsabile. Questo compito comune [la tutela della vita e la difesa del creato, ndr] veda coinvolti tutti, in particolar modo coloro che, a livello locale, regionale e nazionale, hanno ricevuto il mandato di governare lo sviluppo del territorio, perché agiscano in nome del bene comune e non di una singola parte, prestando ascolto al grido della nostra terra, del nostro mare, del nostro cielo […].
Il maggiore coinvolgimento delle collettività non significa cercare a tutti i costi il loro consenso a scelte già prese in precedenza: le comunità interessate, anche sulla base del “trattato di Ahrus” del 1998 sottoscritto dall’Italia, devono essere interpellate e coinvolte nei processi decisionali riguardo opere ed interventi che incidono pesantemente sulla loro vita quotidiana presente e futura, attraverso tutti gli strumenti che permettano loro di valutare obbiettivamente ed esaurientemente le scelte proposte.
Mai come in questi casi non sono sopportabili imposizioni calate dall’alto con la scusa dell’interesse nazionale ma più che mai sono le realtà di base che ospiteranno gli interventi a doversi esprimere al riguardo avendo accesso a tutte le informazioni e documenti esistenti.



Modernizzazione del sistema di governance
C22. Riguardo il ridisegno delle competenze tra Stato e Regioni, si ritiene auspicabile una modifica del Titolo V della Costituzione?
C23. Riguardo la ripartizione di ruoli e competenze tra Autorità per l’energia elettrica e il gas, Governo e Parlamento, si ritiene  soddisfacente il disegno e l’attuazione dell’assetto corrente? Quali eventuali revisioni potrebbero migliorare la governance del settore?

Ricerca e sviluppo nei settori dell’energia
C24. In che modo sviluppare forme efficaci di partenariato pubblico-privato e con quali strumenti?
Il pubblico deve agire soprattutto per orientare le scelte di fondo rispettando i criteri guida che si è dato e poi adottare di conseguenza politiche che incentivino o disincentivino determinate attività.
Prevenire è la forma più efficace e meno dispendiosa di autotutela quando c’è il ragionevole dubbio della dannosità di determinate scelte: è il ben noto “principio di precauzione” sancito dalla Comunità Europea e recepito dallo Stato italiano che deve rappresentare un diritto irrinunciabile di ogni Comunità in difesa del proprio benessere ed al quale ogni amministratore pubblico è in dovere di ricorrere a difesa di tutti i cittadini che rappresenta.




martedì 13 novembre 2012

NE’ UNO NE’ NESSUNO MA CENTOMILA! BOOM DI CONTATTI SUL BLOG DI NUOVO SENSO CIVICO



In questi giorni il blog di NUOVO SENSO CIVICO ha superato la soglia dei 100.000 (centomila) contatti dall’inizio dell’anno in corso. E’ un risultato straordinario che ci conferma la giustezza e popolarità delle nostre posizioni, mai pregiudiziali e improvvisate ma frutto di studio, documentazione e collaborazione non solo con valenti studiosi ed esperti del settore, ma anche con tutte le realtà locali che ci interpellano, ci sostengono e ci danno la spinta per proseguire nella battaglia democratica.

Sappiamo bene che le nostre pagine sono frequentate non solo da amici e simpatizzanti, ma perfino dagli avversari e questo rappresenta per noi un punto d’orgoglio perché significa che siamo considerati influenti e degni di attenzione e in qualche modo, non a torto, anche temuti, viste le nostre capacità di mobilitazione sui temi più scottanti del momento.

La nostra forza deriva dalla convinzione nelle idee e negli obiettivi concreti da raggiungere sempre alla luce del sole  e senza secondi fini se non l’”egoismo” che ci spinge a volere per tutti, inclusi noi stessi, la possibilità di vivere in un mondo più pulito sotto ogni punto di vista.

Chiunque si unisce a questo cammino sa bene che la nostra azione non si fa deformare da idee preconcette: giudichiamo tutte le persone, a cominciare dai politici e dagli amministratori pubblici, per quello che fanno concretamente e non per le etichette stampate sul petto o le bandiere sventolate, di qualsiasi colore esse siano.

E’ un lavoro faticoso e senza soste ma la soddisfazione di vederci crescere attorno un consenso di queste dimensioni ci dà la spinta per proseguire con sempre maggiore energia nella consapevolezza che con l’impegno, l’onestà e la coerenza si possono ottenere grandi risultati.

GRAZIE A TUTTI E BUONA LETTURA.

fm






lunedì 12 novembre 2012

L’AFFARE (PER POCHI) DEL BIOGAS: IL CONVEGNO DI TORRICELLA PELIGNA NON CANCELLA I DUBBI E SVELA QUALCHE SGRADEVOLE SORPRESA.


Poichè per un problema tecnico il presente post è scomparso per alcuni minuti dal blog, lo riproduciamo con l'integrazione di qualche interessante documento che chiarisce ancora meglio il quadro generale visto che fino ad ora non abbiamo ricevuto alcuna smentita alle nostre affermazioni.  (CLICCARE NEL TESTO SULLE PAROLE IN ROSSO PER AVERE ACCESSO AI DOCUMENTI)


 A TUTTI I CITTADINI DI TORRICELLA PELIGNA ED AGLI ORGANIZZATORI DEL CONVEGNO SULLE ENERGIE RINNOVABILI
Il finale frettoloso e un po’ concitato del convegno sulle “Energie rinnovabili” organizzato a Torricella Peligna dall’Associazione RATI, non ha permesso di chiarire le diverse posizioni in campo e soprattutto non ci ha consentito di esplicitare le nostre dettagliate e documentate opinioni al riguardo.

Ci preme così rivolgerci soprattutto a coloro che, magari in buona fede, ci hanno attaccato frontalmente impedendoci di esporre le nostre ragioni che alla fine potrebbero essere comuni e condivise. Se poi da parte nostra c’è stato qualche eccesso verbale ce ne scusiamo ed entriamo subito nel merito delle questioni, sulle quali ci attendiamo il contraddittorio.

Sulla prima parte del convegno nulla da eccepire: è stato presentato uno studio documentato sull’energia eolica con diversi spunti interessanti e condivisibili. L’eolico è una fonte davvero pulita e rinnovabile: c’è solo da valutare se è il caso di installare nuovi “mulini” in un situazione di enorme eccedenza di offerta di energia elettrica (oltre il 30% secondo Confindustria) e quando vediamo in giro decine e decine di pale eoliche ferme perché non c’è adeguata domanda. Ma questa è un’altra storia.

La seconda parte del convegno verteva invece su un’altra fonte, il biogas, che più di qualcuno a livello scientifico nazionale e internazionale sta mettendo in dubbio quale strada percorribile nell’ambito delle energie rinnovabili.

Prima di tutto va fatto un rilievo sugli interventi dei relatori in merito alla loro qualifica. Sia ben chiaro, ogni organizzatore invita a parlare chi desidera, ma correttezza vuole che le carte siano ben scoperte sul tavolo.

Il relatore Dr. Claudio Orsi non è una personalità neutrale in argomento ma, come lui stesso ha subito dimostrato, un professionista che lavora in una società che realizza impianti di questo tipo. Quindi potremmo definire il suo un intervento promozional-propagandistico e infatti secondo lui impianti del genere sono perfetti, nessun problema, solo un po’ di cattivo odore ma ci stiamo lavorando. E al primo che telefona una bella mountain-bike in omaggio…

Ancora peggio, sempre secondo la nostra piccola esperienza, il caso del Dr. Claudio Samarati, definito “esperto di biogas”.
Voi definireste il Prof. Umberto Veronesi “esperto di malattie” o elenchereste tutte le qualifiche che lo hanno portato alla fama mondiale?
Quando nei nostri convegni abbiamo invitato veri esperti del settore li abbiamo qualificati per quello che erano: ad esempio il Prof. Federico Valerio quale Responsabile del Dipartimento di Chimica Ambientale dell’Istituto di Ricerca sul cancro di Genova e non come vago “esperto di biomasse”.
Se poi si scopre che la persona in questione, SALVO UN CLAMOROSO CASO DI OMONIMIA PER IL QUALE ATTENDIAMO UN’IMMEDIATA SMENTITA, è stato condannato in veste di funzionario del settore ambiente della Provincia di Lodi  nel maggio di quest’anno a 1 anno e 6 mesi per “corruzione impropria” (art.318 del Codice Penale: “Il pubblico ufficiale che, per compiere un atto del suo ufficio, riceve, per sé o per un terzo, in denaro o altra utilità, una retribuzione che non gli è dovuta, o ne accetta la promessa, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni.”) nell’ambito del processo sulla cosiddetta “Rifiutopoli di Lodi”, allora le cose si complicano sempre di più.

Per carità, massimo garantismo per tutti fino alla sentenza definitiva, però quando ci si rivolge ai numerosi giovani presenti vantando la “promozione della legalità” e lo “sviluppo legale” (Giovanni Di Fonzo, Presidente RATI) bisogna stare attenti a chi si invita, almeno per ragioni di opportunità e credibilità.
E soprattutto è un diritto del pubblico in sala sapere chi ha di fronte: sarà lui a giudicare ma bisogna metterlo nelle condizioni di poterlo fare.

Per quanto riguarda tutte le ragioni, motivate e documentate scientificamente ai livelli più alti, che ci sconsigliano l’adozione di impianti del genere, a biogas o biomasse, (ragioni di natura sanitaria, economica, occupazionale e di rischio) SIAMO DISPONIBILI IN OGNI MOMENTO AD UN VERO CONFRONTO PUBBLICO SENZA EQUIVOCI E A VISO APERTO e senza nascondersi dietro neutralità poco credibili.
Per chi vuole documentarsi sulle nostre posizioni basta che faccia un giro sul sito o sul blog e avrà tutte le risposte che vuole.

IL LUOGO PER QUESTO FRANCO CONFRONTO POTREBBE ESSERE PROPRIO TORRICELLA PELIGNA, considerate le diffuse preoccupazioni della popolazione sulla possibile installazione di un impianto del genere.

Chi non ha nulla da nascondere non ha nulla da temere.

venerdì 9 novembre 2012

IL PROGETTO DI RICERCA EUROPEO SECOA E IL PARCO NAZIONALE DELLA COSTA TEATINA

CLICCATE SUL TITOLO IN BLU PER APRIRE IL PROGETTO


Il progetto è sviluppato da un gruppo di ricercatori della Sapienza
Università di Roma con cui Nuovo Senso Civico sta collaborando per la
diffusione della conoscenza su questo delicato tema.

Se sei interessato all’argomento e ad esprimere la tua opinione sulle
possibili soluzioni del conflitto, ti invitiamo a visitare la pagina web
www.nuovosensocivico.it cliccando poi sul link “questionario secoa” sotto la
scritta “IN EVIDENZA”, direttamente al link
www.nuovosensocivico.it/secoa/index.asp  
OPPURE DIRETTTAMENTE SUL TITOLO IN BLU DI QUESTO BLOG
per visionare il video e rispondere al questionario online.

Nuovo Senso Civico renderà pubblici i risultati del questionario e i
ricercatori della Sapienza ne faranno oggetto delle loro conclusioni per la
Commissione Europea.

Buona navigazione!